domenica 14 dicembre 2014

I buchi neri delle recenti elezioni.

Spiaggia di Beira. Il sole buca le nuvole prima del tramonto.
 Chissà se si farà luce anche sulla saga elettorale?
Sono le otto e mezzo di sera. Da un’ora circa è in corso un furioso temporale e, come di prassi, la corrente è sparita subito allo scoccare della prima saetta. Non che ci voglia un temporale perché questo accada. Per un Paese che è il secondo produttore di energia elettrica nell’Africa australe le interruzioni e i black out sono all’ordine del giorno.
In ogni caso la batteria del pc è al massimo e anche il segnale internet è presente, segno che il nostro provider sta funzionando con un generatore di sostegno per cui con un po’ di fortuna riuscirò anche a pubblicare questa entrata.
Sono tornato a Beira il primo dicembre, dopo un mese in Italia per il lutto che mi ha colpito. Alla fine di ottobre è infatti scomparsa improvvisamente e inaspettatamente la mia cara mamma.
Sono arrivato in un periodo dove avrebbero già dovuto cadere le prime piogge abbondanti e invece a parte un paio di temporali più rumorosi che altro fino a ieri non si era visto molto. Invece dopo alcuni giorni di afa e caldo opprimente sono arrivati i primi seri acquazzoni per la gioia di chi ha seminato e che temeva di aver buttato via il suo tempo.

Quello che invece deve ancora arrivare è l’annuncio ufficiale dei risultati delle elezioni che si sono tenute più di un mese e mezzo fa. O meglio, manca la convalida dell’organo supremo, qui chiamato Consiglio Costituzionale (la nostra Commissione elettorale centrale). Infatti, dovuto alle serie irregolarità confermate  in almeno 12% dei seggi, al rifiuto dei partiti d’opposizione di accettare i risultati “ufficiali” di fine ottobre che dava la vittoria al partito FRELIMO,al potere dal 1975 e,cosa ben più grave, alla sparizione dei  registri ufficiali degli scrutini, è stato chiesto al Consiglio Costituzionale di pronunciarsi definitivamente sulla questione. Ad oggi però nessuno dice (o sa) dove siano finiti i registri esattamente. Sembra di stare davanti alle tre classiche tre scimmiette (non vedo, non sento, non parlo) che di fronte a domande precise tergiversano, fanno affermazioni smentite puntualmente il giorno dopo o farfugliano scuse ridicole. Forse sperando che la gente dimentichi e che lo scandalo evapori in questi giorni di caldo torrido. Staremo a vedere.

sabato 19 luglio 2014

La ripresa

Carissimi,

sapevo che era da un po' di tempo che non pubblicavo qualcosa sul mio blog ma che fosse da febbraio no me lo ricordavo proprio. Come tante altre cose, anche questa richiede costanza e tempo, "beni" non sempre disponibili in grande quantità.
Vediamo se a questo nuovo inizio seguiranno entrate regolari.
La casa di Inhamizwa.
Cos'è successo negli ultimi mesi? Innanzi tutto sono più vecchio (54 primavere alla fine di giugno!) e su questo non si discute. Sono basato alla periferia di Beira (a 25 km dal centro per essere specifici) in una località che si chiama Inhamizwa (pronuncia: Ignamìsua). Continuo a viaggiare regolarmente in questa parte di Africa in veste di Coordinatore Provinciale ( ad aprile ho fatto il mio "solito" giro in Sudafrica, Zambia e Malawi) e ultimamente sono stato a Nairobi, questa volta come delegato dei Padri Bianchi in Mozambico per la protezione di fanciulli e minori contro gli abusi.
Sono sempre in contatto con l'orfanatrofio Santi Innocenti che molti di voi hanno sostenuto e continuano ad appoggiare. Visto che il sito dell'orfanatrofio è defunto per varie ragioni vi terrò informati da queste colonne perché non mancano le novità.
Al momento la situazione del Paese è tranquilla ma c'è una tensione latente e questo preoccupa un po' visto che fra meno di tre mesi si andrà alle urne.
 Per oggi, 19 luglio, è tutto. Anche se siamo ancora in inverno, oggi è prevista una massima di 31 gradi. Da lunedì però si trona sui 25-26 gradi (media del periodo). Le notti sono fresche, tra i 16 e i 18.
Un caro saluto e buone vacanze a tutti coloro che si apprestano a godere un meritato riposo.
Ciao, Claudio



giovedì 13 febbraio 2014

Normalità ancora lontana

Situazione delicata nel paese in vari sensi. Sul fronte politico-militare interno, se da una parte c’è da registrare il ritorno al tavolo dei negoziati dei rappresentanti di Frelimo e Renamo e il raggiungimento di una accordo sulla composizione della Commissione Nazionale Elezioni (punto di discordia da tempo)dall’altra si registrano azioni militari sul terreno con uso anche di artiglieria pesante da parte dell’Esercito.


Domenica scorsa, con qualche giorno di anticipo rispetto a quanto annunciato, è tornata la corrente in quelle zone delle province di Manica e Sofala (zona in cerchio rosso nella cartina) ma siamo molto lontani dalla normalità. Se lunedì abbiamo avuto la corrente quasi tutto il giorno, ieri è stato un mezzo disastro e oggi abbiamo iniziato la giornata ad intermittenza. 
Il fatto che stia diluviando poi complica le cose. Ogni acquazzone violento ( e questa è la stagione delle piogge) fa sempre saltare la fornitura di elettricità. 
In ogni caso vi lascio immaginare i disagi per i privati e per le imprese, piccole e grandi , che ormai sono quasi paralizzate da più di due settimane. 
È pur vero che molti si sono attrezzati con generatori ma oltre a consumare parecchio anche questi si rompono visto che sono sempre accesi, vuoi perché non c’è la luce, vuoi per via delle oscillazioni di quest’ultima che, in automatico, non fanno “staccare” il gruppo elettrogeno.

Per finire sono previste piogge intense nei prossimi due giorni. Speriamo sbaglino altrimenti riparte il ciclo di inondazioni, famiglie sloggiate, strade impraticabili e quant'altro. Niente di nuovo da queste  parti ma nemmeno un passo avanti.

mercoledì 5 febbraio 2014

BLACK OUT TOTALE

È da più di una settimana che un grosso trasformatore elettrico è andato in fumo facendo piombare nel buio le città di Chimoio, Dondo e Beira. Da allora la situazione non è migliorata di granché e la cosa più stupefacente (ma neanche tanto visto che a chi comanda, dal presidente di una piccola impresa ai politici, non gliene frega assolutamente nulla) è che non ci sia stato nessun comunicato ufficiale da parte dell’EDM, l’ente nazionale che gestisce la produzione e la distribuzione dell’elettricità. Non si conoscono le cause dell’incidente, i provvedimenti presi, le soluzioni a corto e lungo raggio. Niente. Nada de nada. E allora la gente si sente in dovere di inventare le proprie risposte, aumentando l’incertezza e la confusione
Ricordo che qui siamo in piena estate con temperature tra i 35° e 40° di giorno e attorno ai 26 di notte. I danni sono enormi. Il fetore nauseabondo di pesce, carne, frutta e verdura marcia ristagna in ogni angolo, proveniente dalle case, negozi e mercati. I commercianti stanno cercando di dimezzare il prezzo di questi beni di consumo ma il risultato è scarso, vista la dubbia provenienza e l’impossibilità di conservarli.
C’è stato un assalto per accaparrarsi generatori elettrici di ogni foggia, marca e forma con due conseguenze: il prosciugamento veloce dei risparmi (la benzina costa un euro al litro, cara rispetto al tenore di vita locale) e il rumore assordante proveniente da androni, sottoscale e balconi che provoca liti furibonde tra vicini di casa.
Lasciate da parte le statistiche che parlano di un’economia nazionale che cresce al 7%, il boom economico dovuto alla (potenziale) ricchezza di un sottosuolo scandalosamente ricco di risorse minerarie, le opere faraoniche nella capitale Maputo. Questo è il Paese reale: quello di un milione e mezzo di persone senza luce da otto giorni, di una città (Beira) che sembra uscita ieri dalla guerra tanto è malridotta, di fogne a cielo aperto, di quartieri allagati dopo le recenti piogge, di strade ridotte a piste butterate da piccoli e grandi crateri. Un Paese dove basta una serie di imboscate lungo l’unica strada che lo percorre dal sud al nord per  spaccarlo in due e quasi azzerare in pochi mesi il transito di persone e di beni.

Sarà l’afa di questi giorni che non mi fa dormire e la rabbia di fronte a tanta incompetenza e arroganza ma in questo momento non riesco proprio ad essere molto positivo riguardo al futuro di questo splendido e disgraziato Paese. 

venerdì 17 gennaio 2014

Alta tensione in Mozambico

La EN1 che attraversa il Paese da sud a nord. In rosso Muxungue.
Tre giorni fa, mercoledì 14, mentre volavo in tutta sicurezza e comfort tra Maputo e Beira, a diecimila metri sotto di noi, lungo la strada nazionale numero 1 che collega il sud al centro del paese, si consumava l'ennesima atrocità di questo periodo inquietante per il Mozambico. Raffiche di mitra sparate da uomini nascosti nella boscaglia crivellavano un autobus di linea che passava nel punto sbagliato al momento sbagliato. L'agenzia Lusa riferisce di 3 morti e 2 feriti gravi. E questo nonostante la forte presenza di militari e il pattugliamento di un tratto di strada di una trentina di chilometri la cui percorrenza è diventata una vera e propria roulette russa.
Cosa sta succedendo in Mozambico, dopo 22 anni dalla firma del cessate in fuoco a Roma che pose fine a una delle più terribili guerre civili mai viste nel meridione d'Africa?
Gli attacchi a civili e militari sono cominciati il 4 aprile dell'anno scorso. La zona dove si sono concentrate le imboscate è quella di Muxungue (la ics si pronuncia "sc") ma recentemente sono state registrate sparatorie anche nella provincia di Inhambane e di Nampula. Una quarantina di persone hanno perso la vita. Un'ottantina i feriti. Gravi le ripercussioni sul movimento di merci e persone dal sud al centro-nord del paese. Quella è l'unica strada di collegamento; non ci sono ferrovie o navi passeggeri per poter bypassare questo tratto insidiosissimo. Ancor più grave, il recente stillicidio di violenze ha fatto ritornare alla memoria i quindici anni di guerra civile che hanno dissanguato il Mozambico.
L'antica formazione della Renamo (Resistenza Nazionale Mozambicana) si è attribuita la responsabilità degli attacchi adducendo che sono una forma estrema di protesta contro la "dittatura instaurata" dal governo e la mancanza di consenso sulla legge elettorale. Sa quel che sia quel che sia il Paese sta vivendo il peggior momento di tensione politico-militare dalla fine della guerra civile.

sabato 11 gennaio 2014

Buon Anno 2014!

Fuipiano, (BG) Italia, 2 gennaio 2013
Maputo, Mozambico, 8 gennaio

















Carissimi, come potete vedere dalle foto eloquenti, c'è stato un bel cambiamento in tutti i sensi negli ultimi giorni. Sono ritornato in Mozambico e ho fatto tappa a Maputo prima di ripartire per Beira che sarà la mia destinazione per un po', in attesa che si sblocchi il progetto di Tete che al momento è stato tolto dal fuoco e messo in frigo!

Con questa entrata spero di ridare continuità al mio blog che per varie ragioni (soprattutto la pigrizia) si era fermato a metà dello scorso anno quando ero ancora basato a Lusaka.
Da allora sono successe parecchie cose: la conclusione delle iniziative legate all'anniversario della campagna anti-schiavitù lanciata dal nostro fondatore (Cardinal Lavigerie) 125 anni fa, la gradita visita dell'amico Michele e del gruppo della Valpolicella che mi hanno permesso di visitare e scoprire persone e zone della Zambia che da solo non avrei mai conosciuto. Poi all'inizio di settembre sono arrivato in Mozambico per gli ultimi eventi organizzati attorno alla campagna sopra menzionata.

Infine gli ultimi mesi sono stati trascorsi in Italia dove è stata una girandola di viaggi, incontri e scambi di vario tipo. A tutti il mio grazie di cuore per la simpatia e amicizia dimostratemi, per il vostro interessamento nella mia "missione" e per la generosità. Mi scuso con coloro ai quali avevo promesso una visita che non ho mantenuto: alla fine è diventata una gara contro il tempo e le ultime due settimane, vista l'impossibilità dell'impresa, ho preferito ritirarmi su per le mie montagne dove ho trascorso il primo Natale in famiglia dal 2008.

A Maputo si respira ancora aria di vacanza: molti negozi e luoghi pubblici sono ancora chiusi per ferie. Qui è piena estate e sarà solo con la riaperura delle scuole il prossimo lunedì e il ritorno al lavoro di tanta gente che si ripartirà a tutto vapore. O forse no, visto che la situazione interna è di nuovo instabile a causa di un clima di insicurezza instauratosi in varie parti del Paese.Ma di questo parleremo nel prossimo post.


mercoledì 5 giugno 2013

Padre Bwalya ha il suo partito



"Alleanza per uno Zambia migliore", (in inglese: Alliance for a Better Zambia, ABZ) così si chiama il nuovo partito dell'originale sacerdote diocesano Frank Bwalya. Dopo un iter un pò travagliato è stato ufficialmente registrato il 24 maggio scorso.Lo slogan della nuova aggregazione è Pa mpoto che significa "presso, sulla pentola".
Sulla pagina facebook si legge: "The ABZ is a national liberation movement. It was formed in 2013 to unite the Zambian people and spearhead the struggle for fundamental political, social and economic change." 
Il simbolo del partito è una pentola nera decorata da un nastro con i colori della nuova formazione: bianco, rosso e arancione.